Qual è l’assicurazione più conveniente per ragazzi?

Quando si vuole stipulare un contratto assicurativo, oltre a valutare i diversi vantaggi che ogni compagnia offre, si cerca di guardare anche quale sia la migliore alternativa a un prezzo vantaggioso: il fattore economico sarà quindi fondamentale nella scelta, per capire al meglio quali siano le migliori offerte sul mercato.
Sarà fondamentale tenere conto delle diverse garanzie offerte da ogni compagnia: non potranno essere confrontate in maniera paritaria offerte differenti, perché questo porterebbe a uno sfalsamento del confronto, e ad un conseguente sviamento.
È sempre necessario tenere conto del fatto che i ragazzi che vogliono contrarre un’assicurazione saranno svantaggiati rispetto ai loro genitori, o familiari conviventi, di età superiore, dal momento che i premi assicurativi per i giovani sono notoriamente più alti. Questo dipende soprattutto dal maggiore rischio che l’assicurazione deve affrontare: per lo stesso motivo molto spesso accade che i ragazzi decidano di intestare la loro polizza assicurativa ad una persona diversa, che abbia superato i 26 anni e che detenga una buona classe, dalla dodicesima in poi, in modo da usufruire dei vantaggi da questa derivanti.

neopatentati
L’assicurazione che offre più vantaggi e un prezzo inferiore per i neopatentati e per i ragazzi, sia inferiori di 26 anni che superiori, è la Direct Line, che fornisce un servizio completamente online e telefonico, senza una presenza fisica in ogni città, permettendo così di risparmiare in maniera sostanziale rispetto alle altre compagnie.

Anche se l’età è un fattore determinante, a cambiare il premio assicurativo contribuiranno comunque una serie di altri elementi: primo fra tutti, la residenza, che potrebbe far aumentare anche di centinaia di euro la propria polizza assicurativa.
Ma cambia in maniera determinante anche la vettura in questione: se la cilindrata è piccola, il prezzo sarà moderato, ma al crescere della cilindrata e della potenza dell’automobile, corrisponderà anche un notevole aumento del premio assicurativo.
Allo stesso modo, sarà importante anche l’alimentazione dell’auto in questione: una vettura diesel costa mediamente il 5% in più di assicurazione rispetto al corrispondente modello benzina, metano o GPL.
Per confrontare i diversi preventivi