Posso assicurare un’auto di cui non sono propritario?

Una persona che è venuta in possesso di un’auto intestata a uno dei genitori o ad un altro parente si pone la domanda se è possibile assicurare la stessa auto a nome proprio pur non essendone il legittimo proprietario .
Chiariamo subito che il contraente una polizza r.c.auto non deve necessariamente coincidere con il legittimo proprietario, in altre parole chiunque può stipulare un contratto di assicurazione per la responsabilità civile dell’auto pur non essendone il legittimo intestatario, ultimamente però alcune compagnie assicurative richiedono espressamente che proprietario della vettura, conducente e contraente assicurato coincidano.
È bene precisare che la richiesta avanzata da alcune compagnie assicurative circa il fatto che proprietario e contraente assicurato debbano coincidere non trova però fondamento in una norma di legge ma fa parte delle condizioni contrattuali della loro polizza a cui il contraente assicurato può aderire oppure no.

Nel complesso di norme che si riferiscono all’assicurazione per la responsabilità civile dell’auto vengono citati infatti il proprietario del veicolo, l’usufruttuario o l’acquirente con patto di riservato dominio e il conducente, ognuna di queste figure ha titolo per stipulare un contratto di assicurazione per il mezzo con il quale ha un rapporto giuridico.
Facciamo un esempio concreto: un padre acquista un’auto per il figlio, (se sei interessato a sapere quale è l’assicurazione più conveniente per tuo figlio clicca qui) decide di mantenerne la proprietà ma è d’accordo con il figlio che questi si farà carico delle spese di manutenzione, della tassa di proprietà e dell’assicurazione r.c. auto.
Nel momento in cui il figlio andrà a stipulare una polizza r.c. auto, la compagnia gli potrebbe chiedergli al massimo una dichiarazione del proprietario del mezzo nella quale si specifica che il mezzo stesso è nella sua disponibilità. Su questo punto ogni compagnia assicurativa stabilisce regole proprie, possiamo quindi dire che la stipula di un contratto di assicurazione per conto altrui è consentito dalla legge.

Il caso più frequente è quello di un locatario di un’auto in leasing al quale locatario, pur non essendo proprietario del veicolo, restano in carico tutte le spese comprese quelle dell’assicurazione di responsabilità civile auto obbligatoria per legge e dell’assicurazione furto e incendio (queste ultime vengono richieste solitamente dalla società proprietaria del mezzo).

Circa le modalità per assicurare un auto di cui si è locatari si suggerisce di consultare il seguente link: