Perché ho bisogno di una assicurazione auto?

La polizza RCA è acronimo di “responsabilità civile auto” ed è necessaria.
Se vi state chiedendo perché è obbligatorio assicurare la propria auto o il proprio mezzo di trasporto, le ragioni sono molteplici. In primo luogo, in Italia, lo impone la legge. A partire dal 1969 è stata introdotta una legge, la 990, la quale asserisce che tutti i veicoli a motore non possono assolutamente circolare se non provvisti di un’assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi.
In particolare la normativa viene specificata nell’articolo 1 della suddetta legge. Il mercato assicurativo italiano è comunque piuttosto vario, si ha la possibilità di optare, in linea di massima, per un’assicurazione con massimale oppure con franchigia, anche queste trattate dettagliatamente nel decreto legge e soggette a pene severissime per i trasgressori, siano essi rappresentati dell’agenzia assicurativa oppure coloro che stipulano il contratto.

La legge prevede un’assicurazione, poiché il soggetto può causare danni a persone o mezzi altrui. La garanzia che viene data dalla stipulazione del contratto preserva, non soltanto il mezzo ma anche gli eventuali passeggeri (anche oltre il conducente stesso). Infatti, a partire dal 1992, l’assicurazione viene ritenuta comprensiva di danno (di modesta entità poiché in caso di lesioni gravi o decessi si passa nell’area penale e non più civile) a tutti i passeggeri che riportino lesioni, presenti nel veicolo al momento dell’impatto. Si parla ovviamente in questo caso dell’auto della persona terza che si va a ledere, se si vuole invece coprire la propria persona da danni, bisognerà stipulare un contratto differente, con una garanzia accessoria.

Nel mercato europeo, dal 1992 è possibile stipulare contratti che siano validi in tutta la comunità europea, sia classici che opzionali, quindi inerenti danni alla persona, a calamità naturali, furto incendio ecc. Il certificato assicurativo dimostrerà la validità della polizza in qualsiasi stato membro dell’unione europea. Anche negli altri stati infatti l’assicurazione auto è obbligatoria, per ciò che concerne i paesi estranei la comunità europea, è necessario stipulare un contratto internazionale che dia libero accesso in ogni stato, ma la procedura è più complessa. Bisogna infatti disporre della carta verde, la quale può essere richiesta dalla compagnia che assicura all’ufficio centrale italiano. Questa carta attribuisce il permesso di circolare grazie all’adesione e la tutela del Comitato dei Trasporti su strada. Anche tutto ciò viene espresso nella legge n. 990.