L’assicurazione auto per eventi socio politici

Proteggere il proprio mezzo privato è diventato sempre più difficile. Se poi ci si sposta con frequenza e l’unico posto dove parcheggiare l’automobile è la strada, allora è il caso di aggiungere al contratto di polizza un ulteriore garanzia, ovvero l’assicurazione auto per eventi socio politici.

Di cosa si tratta

Con i tempi che corrono circolare salvaguardati soltanto dalla responsabilità civile è la prerogativa chi ha coraggio e incoscienza, perché quando si è su strada le insidie sono molte e non tutte prevedibili, così la migliore tutela è integrare il contratto aggiungendo altre voci accessorie, che vadano a risarcire il conducente, i danni provocati al proprio veicolo ed eventuali furto- incendio.

Se si vive al centro della città, in uno di quei luoghi dove si organizzano spesso cortei di protesta, oppure in prossimità di uno stadio, e si ha la sventura di parcheggiare l’automobile lungo il ciglio della strada, occorre valutare l’ipotesi di un’assicurazione auto eventi socio politici.

Che cos’è? E’ la garanzia che rimborsa l’assicurato dai danni subiti dall’automobile in conseguenza di atti di terrorismo, scioperi, cortei, sommosse, tumulti popolari, vandalismo. E’ un caso raro da prendere in considerazione soprattutto se in passato si sono verificati episodi di violenza da mettere a rischio l’incolumità del veicolo parcheggiato. L’assicurazione può estendersi anche agli accessori inclusi nell’automezzo secondo contratto.

Risarcimento

In base a quanto concordato con la compagnia assicuratrice, la polizza può rimborsare sia i danneggiamenti parziali sia la devastazione del veicolo. In tutti e due i casi, l’indennizzo non può superare il valore di mercato dell’automobile al momento della sciagura.

In questa assicurazione a carico del contraente c’è sempre una franchigia o uno scoperto che al momento della liquidazione del danno sarà decurtato dalla somma rimborsabile deliberata dal perito. L’indennizzo non ha il massimale, il prezzo massimo risarcibile è il valore dell’automobile nel momento in cui è stato commesso il sinistro anche se una percentuale della spesa resta sempre a carico dell’assicurato.

Per richiedere il riconoscimento del dolo, occorre presentare subito una denuncia alle autorità componenti che constatano l’entità del danno e ricostruiscono le circostanze in cui si è verificato. Di seguito andrà inviata una denuncia alla propria assicurazione che dopo la perizia, potrà rimborsare il suo cliente.