Come funziona e a chi conviene l’assicurazione auto a km?

Risparmiare sulla RC Auto è oggigiorno una priorità un pò di tutti.

Ci sono consigli sempre validi da seguire per ridurre la spesa, ma  si può anche valutare la stipula di una polizza sui generis, un pò diversa dalla canonica RC Auto, ma ugualmente efficace.

Sto parlando della assicurazione auto a km, nota anche come “assicurazione a consumo”, che è l’ideale per chi utilizza la propria automobile di rado o per percorrere tragitti brevi.

Il premio di tale polizza, infatti, è calcolato in maniera proporzionale al numero di km effettivamente percorsi.

In questo modo, quando l’auto non è utilizzata (ad esempio, in settimana quando si va al lavoro con i mezzi pubblici) si evita di sostenere il costo dell’assicurazione.
Per dirsi conveniente, questa soluzione richiede una percorrenza massima di circa 5-7.000 km annui. 

Praticamente, al momento della stipula del contratto si versa una quota del premio (dal 30 al 50% a seconda delle compagnie) e si ottiene il solito contrassegno da esporre sul veicolo. Il veicolo è a tutti gli effetti coperto a livello assicurativo, così come previsto dalla legge.
La rimanente parte del premio viene calcolata sulla base dei km effettivamente percorsi.

Grazie all’impianto satellitare installato sulla vettura (per il quale può essere richiesto un contributo o, più spesso, concesso in comodato d’uso gratuito), la vettura è costantemente monitorata e vengono rilevati i km effettivamente percorsi, sui quali – appunto- si va a calcolare il premio assicurativo, il cui pagamento avviene in un momento successivo.
Il dispositivo, inoltre, è utilizzato anche per localizzare il veicolo in caso di furto, oppure dialogare con la Centrale operativa in caso di guasti, nonchè per ricostruire la dinamica di un incidente.

Sono numerose le compagnie che propongono le assicurazioni auto a km. Sara presenta la polizza SaraFree, SestoSenso Km è il prodotto di Allianz, mentre You kmsicuri è quello di Unipol.

La scelta di questo prodotto assicurativo può essere una valida soluzione per risparmiare sul costo della polizza auto per coloro che solitamente percorrono un numero di km contenuto nel corso dell’anno; se la percorrenza media annuale è compresa fra 7 e 10.000 km occorre ben valutarne la convenienza.
Di certo, per chi percorresse una quota kilometrica al di sopra dei 10.000 km, la polizza in esame risulta davvero svantaggiosa.